Una partecipatissima serata quella di venerdi 22 ottobre presso la sala San Gregorio di Via Garibaldi a Sacile (PN), per il convegno sull’allevamento, detenzione e utilizzo degli uccelli da richiamo in Europa e in Italia, organizzato dal Vicepresidente dell’Intergruppo caccia e biodiversitá On. Marco Dreosto, in collaborazione con il Gruppo Identitá e Democrazia del Parlamento Europeo, la Pro-Sacile, organizzatrice della piú antica Sagra dei Osei a livello europeo, la FOI e molte altre associazioni ornitologiche e venatorie del territorio nordestino. L’evento é stato aperto con il saluto del sottosegretario al Ministero della Transizione ecologica On. Vannia Gava, a cui hanno seguito gli interventi dell’eurodeputato Marco Dreosto, che ha altresí presentato in anteprima un video sul lavoro svolto come relatore sulla strategia della biodiversitá al Parlamento europeo, dando voce a cacciatori, pescatori allevatori e agricoltori, principali attori della gestione faunistica ed ambientale del territorio europeo. A seguire gli interventi del Responsabile nazionale dipartimento Lega sulla gestione faunistica Sen. Francesco Bruzzone, che in tema di migratoria ha evidenziato la situazione attuale a livello nazionale e dell’Assessore al Servizio caccia, risorse ittiche e alla montagna della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Stefano Zannier. La parte sulla normativa vigente in materia di allevamento e detenzione di avifauna sono state relazionate dal tecnico regionale Dario Buscema mentre la situazione delle manifestazioni a carattere ornitologico e le principali problematiche legate all’utilizzo dei contrassegni inamovibili sono state esposte dal responsabile del Raggruppamento interregionale Veneto-Trentino Alto Adige della FOI, Daniele Maronese.

La Presidente della Pro Sacile Lorena Bin, ha infine evidenziato l’importanza di tutelare nel tempo le manifestazioni ornitologiche e l’attivitá degli allevatori, senza la quale le tradizioni culturali come quella della gara canora non sarebbero piú realizzabili.