Nato, Dreosto (Lega): “Bene Nato su Cina. Ora importante rivedere Via della Seta”

Bruxelles, 14 giugno – “Il messaggio che arriva chiaro dal vertice dell’Alleanza Atlantica di oggi è forte e chiaro: sulla Cina e sulla Russia non ci possono più essere ambiguità. Dalla cyber sicurezza, passando per gli aspetti militari fino ad arrivare alle sfide climatiche, è necessario per le potenze della Nato fare squadra e collaborare in maniera sempre più coordinata per far fronte alle nuove minacce ibride e globali. Grazie al Presidente Draghi e all’atlantismo come pilastro per la politica estera, l’Italia ha anche ritrovato il posto che le spetta nello scacchiere internazionale. In particolar modo per quanto riguarda la Cina, è importante che il nostro Paese sia chiaro nel condannare l’assenza di libertà civili a Hong Kong, le minacce militari a Taiwan, l’assenza di libertà religiosa per i cristiani e il genocidio degli uiguri. Sarà altresì importante rivedere l’accordo della Via della Seta nonostante qualcuno dentro il Movimento 5 Stelle ancora abbia incontri troppo cordiali con l’ambasciatore cinese e ancora relazioni troppo strette con Pechino.”

Lo dichiara in una nota l’europarlamentare e componente titolare della Commissione del Parlamento europeo sulle interferenze straniere (INGE), Marco Dreosto.