Si è tenuto oggi venerdì 18 ottobre a Udine il XV Forum dell’Euroregione Aquileiese, organizzato da Mitteleuropa a 30 anni del crollo della cortina di ferro e dalla fondazione della Central European Initiative.

Un appuntamento importante per la regione FVG in termini di relazioni internazionali infatti tra i relatori erano presenti l’ambasciatore Itzko Mirosic, inviato speciale del Ministro degli Affari Esteri della Slovenia, Ferenc Kalmar responsabile delle relazioni con i Paesi contermini del Ministero Affari Esteri Ungherese, l’ambasciatore Josef Miklosko, memoria storica del cambiamento in Europa, già viceministro della Cecoslovacchia, ambasciatore della Repubblica Slovacca a Roma e poi membro del parlamento slovacco e Marco Dreosto, neo eurodeputato della Regione Friuli Venezia Giulia che è intervenuto nel panel: Europa e Mitteleuropa, Bruxelles e Visegrad.

Il gruppo di Visegrad nacque con il trattato firmato il 15 febbraio 1991 nell’omonima città ungherese dai governi di Polonia, Cecoslovacchia e Ungheria. I paesi aderenti passarono da tre a quattro nel 1993, quando la Cecoslovacchia si disgregò in Repubblica Ceca e Slovacchia. L’obiettivo di partenza dell’alleanza era rafforzare la collaborazione tra i governi allo scopo di promuovere una integrazione unitaria nell’Unione europea.

Sono state fatte delle riflessioni e dei confronti ad alto livello su quale sia l’evoluzione di un modello d’Europa che convince sempre meno. In questa direzione sembra delinearsi una ripresa del dialogo tra i paesi dell’accordo Visegrad, seguita con attenzione da altri paesi, come Slovenia e Austria, che potrebbe presagire un risveglio della Mitteleuropa.