Il Parlamento europeo approva la revisione RED III, Dreosto (Lega- ID): “Al giorno d’oggi l’energia rinnovabile è fondamentale per l’Unione Europea ma non dobbiamo dimenticarci di proteggere gli interessi dei nostri cittadini e delle nostre imprese.”

Nella giornata del 18 maggio, il Parlamento europeo ha votato la revisione della direttiva sulle energie rinnovabili (RED III), registrando 58 voti a favore, 20 contrari e 9 astensioni. Gli emendamenti di compromesso adottati dalla commissione ENVI introducono criteri più severi e aumentano le ambizioni dell’UE in materia di clima ed energia. L’europarlamentare Dreosto (Lega- ID) commenta “Il risultato di questa votazione è preoccupante, durante tutto il periodo delle negoziazioni ho provato a contrattare sui target proposti e ho sempre difeso gli interessi delle imprese, tenendo conto dell’importanza di un’azione tempestiva in favore dell’ambiente. L’elevata ambizione della direttiva rischia di fissare obiettivi impossibili da raggiungere nei tempi previsti per non parlare dell’eliminazione della possibilità di erogare regimi di incentivazione a livello nazionale e quindi di minare la sostenibilità economica del settore o della standardizzazione generale degli Stati Membri. L’energia rinnovabile è di fondamentale importanza, soprattutto in questo periodo storico in cui eliminare la dipendenza dai combustibili fossili è prioritario, ma l’Europa deve capire che il percorso verso l’obiettivo zero emissioni sarà lungo e i comparti interessati avranno bisogno di sostegno.”