Foibe: Dreosto (Lega), via onorificenze italiane a Tito
(ANSA) – TRIESTE, 27 AGO – “Il ritrovamento del 26 agosto di
250 persone, tra cui un centinaio di ragazzi tra i 15 e i 17
anni, trucidati e infoibati in Slovenia ci ricorda per
l’ennesima volta l’efferatezza dei crimini comunisti compiuti
dai partigiani titini nelle terre della Venezia Giulia. Ricordo
come sul sito del Quirinale, alla voce ‘onorificenze’, compaia
il nome di Broz Josep Tito decorato come Cavaliere di Gran Croce
al merito della Repubblica italiana, concessa nel 1969
dall’allora Capo dello Stato Saragat. Ritengo sia arrivato il
momento di ascoltare il grido lanciato da anni dall’Unione degli
istriani, la piu’ rappresentativa associazione di esuli, e
rimuovere quell’onorificenza data al ‘boia’ delle foibe”. Lo
afferma in una nota, l’europarlamentare della Lega Marco
Dreosto.
“Si dia invece la medaglia al valor militare – aggiunge – al
gonfalone dell’ultima amministrazione italiana di Zara, la citta’
dalmata ‘martire’, violentata dai comunisti di Tito e ripulita
dagli italiani che l’hanno dovuta abbandonare tra pianti e
sofferenze. Sara’ nostro impegno anche in Ue portare avanti
queste istanze, affinche’ la politica italiana si dimostri unita
in questa azione, in onore di chi e’ sopravvissuto all’orrore
comunista titino, e anche l’Europa riconosca ufficialmente
questa tragedia”. (ANSA).