Recovery plan, una corsa contro il tempo. – Tgcom24 TV – 11 Gen 2021 

Ultime limature al Recovery Plan: il documento da circa 120 pagine che dovrà indicare come l’Italia spenderà i fondi europei per la ripresa è ormai pronto, una accelerazione necessaria in vista del Consiglio dei Ministri. Il conto finale dell’Italia arriva a 222 miliardi, 13 in più di quanto destinato al nostro Paese dal Next Generation EU, uno sfondamento reso possibile dall’ uso di fondi per la coesione presi dal bilancio pluriennale dell’ UE, una commistione di risorse che potrebbe portare a un richiamo informale di Bruxelles. I tempi sono stretti, l’8 febbraio infatto il Parlamento europeo darà l’ ok finale all’accordo. Nel giro di due settimane scatta il termine ultimo per presentare il Recovery Plan, una corsa contro il tempo per non perdere la prima tranche di aiuti, un anticipo da 20 miliardi fondamentale per le sorti del nostro Paese.

Paolo Gentiloni in audizione al Parlamento europeo: investire di più nel digitale. – Italia 1 – 11 Gen 2021

Il Commissario per l’Economia Paolo Gentiloni, nel corso di un’audizione alla commissione parlamentare per il Mercato Interno, ha rivolto un appello ai Paesi Europei ad investire di più nel digitale anche per il controllo delle dogane. Questo messaggio arriva mentre l’Italia sta mettendo a punto il suo piano per il Recovery. Oggi al Parlamento si vota anche, sempre nell’ambito del Recovery Fund, per decidere se vincolare gli aiuti al rispetto delle regole fiscali dell’Europa quando torneranno attive.

Gentiloni, Audizione in Commissione Mercato Interno – Rai 2 – 11 Gen 2021 

Sul Recovery Plan è intervenuto il Commissario all’Economia Gentiloni nel corso di un’audizione nella commissione parlamentare per il Mercato Interno: “I governi nazionali dovrebbero sostenere nei loro piani la parità occupazionale di genere”, ha poi ricordato che il vaccino anticovid è una priorità per tutti gli stati europei. Gentiloni ha inoltre puntualizzato sulla Web Tax: “Intendiamo aggiungere un accordo a livello di Paesi OCSE, aspettiamo di capire la posizione della nuova amministrazione Biden.”

Gualtieri ritocca il Recovery plan per accontentare Italia Viva – Il Giornale – 12 Gen 2021 

Il ministero dell’economia ha consegnato il Piano di ripresa nazionale ai ministri. Le commissioni Bilancio e Affari economici del Parlamento europeo nel frattempo hanno approvato il regolamento per il Recovery Fund. 

Il Piano pandemico adesso c’è. I vertici del ministero dai pm – Il Fatto quotidiano – 12 Gen 2021 

Pronto il Panflu, il piano di risposta alle future emergenze sanitarie. Era necessario aggiornare un piano che non era più stato modificato nonostante l’intervento nel 2013 del Parlamento europeo. 

I renziani confessano la balla sui soldi UE in regalo – La Verita – 12 Gen  2021

L’articolo tratta la questione delle condizionalità legate al Recovery Fund che in questi giorni viene votato dal Parlamento europeo. 

Von der Leyen abbandona il governo Conte dicendo che una crisi in Italia non bloccherebbe il Recovery Fund – Italia Oggi – 12 Gen 2021  

“Nel caso di una crisi di governo italiana, il Recovery Fund procederà come previsto. La valutazione viene fatta sulla qualità dei progetti e non su chi li propone.” Con queste parole, la presidente della Commissione risponde all’Italia, mentre il governo Conte sperava di trovare in Bruxelles una sicurezza.

Prendi i soldi del Recovery e scappa – Il Foglio – 12 Gen 2021 

Ieri a Bruxelles, i parlamentari della Lega si sono astenuti nella votazione del regolamento sulla Recovery and Resilience Facility, lamentando che “due terzi [del fondo] sono a prestito” e aggiungendo: “Quando le regole torneranno in vigore, l’Europa potrà imporci le solite politiche”. Il comunicato che spiegava le ragioni della decisione è stato firmato dagli On. Marco Zanni (ID) e Marco Campomenosi (ID).

Lega e Fdi astenuti nel voto a Bruxelles sul regolamento – Avvenire – 12 Gen 2021 

Le Commissioni BUDG ed ECON del Parlamento europeo hanno dato il primo via libera al tanto atteso regolamento sulla governance del Recovery Fund con 78 voti a favore, 5 contrari e 13 astenuti. Tra gli astenuti, come precedentemente annunciato, i parlamentari di Lega e Fratelli d’Italia; il PD ha votato a favore.

Lega e Fdi a Bruxelles si astengono sulle regole – Corriere della Sera – 12 Gen 2021 

Le commissioni Budg ed Econ del Parlamento europeo hanno votato il regolamento su Recovery e Resilience Facility. I gruppi europarlamentari di Lega e Fdi si sono astenuti. Si attende il voto della plenaria

Ue, FdI: regolamento Recovery Fund rischi di penalizzare Italia, ci asterremo – AffariItaliani.it – 11 Gen 2021 

I parlamentari di Fratelli d’Italia si sono astenuti dalla votazione del regolamento sul Recovery Fund, approvato ieri dalle Commissioni ECON e BUDG del Parlamento Europeo. L’articolo riporta i commenti dell’On. Raffaele Fitto (ECR) e dell’On. Carlo Fidanza (ECR).

Lavoro, giustizia e burocrazia I nodi politici del Recovery plan – Corriere della Sera – 12 Gen 2021 

La bozza del Recovery Plan nazionale che verrà presentata oggi al Consiglio dei Ministri fa affiorare diverse problematiche che da tempo investono l’Italia e obbligano il governo a decidere che tipo di futuro vogliono per il nostro Paese. I nodi restano: giustizia e amministrazione, reinserimento dei disoccupati ed energia.