L’utilizzo Dei Fondi Del Recovery Fund – Skytg24 – segr9 Gen 2021 

L’On. Antonio Tajani (Forza Italia – PPE): “Abbiamo presentato un progetto complessivo con grande attenzione al Sud, allo sport, al piano-casa e al rilancio della politica industriale, per esempio. Sono tanti, insomma, i settori per i quali abbiamo fatto una proposta di intervento. Non bisogna sparpagliare i soldi per accontentare quel ministro o quel sottosegretario, ma bisogna fare di tutto affinché i soldi che ci verranno messi a disposizione possano essere utilizzati e restituiti, ma senza crescita non potremo restituire quella parte dei fondi di prestito. Serve quindi una politica per la crescita.”

Il Recovery è pronto Più soldi all’agricoltura e al trasporto locale – Il Messaggero – 11 Gen 2021 

Il Piano di Ripresa nazionale è praticamente pronto. Si attende l’esame del Consiglio dei ministri. La mobilità sostenibile è al centro del progetto. Il tempo a disposizione non è molto visti anche gli ostacoli che il Parlamento europeo ha dovuto affrontare a causa del veto di Polonia e Ungheria. 

Recovery: Lega, ‘a Bruxelles no voto a favore ma astensione su regolamento’ – AffariItaliani.it – 10 Gen 2021 

Gli Onorevoli Marco Zanni (ID – Lega) e Marco Campomenosi (ID – Lega) criticano i fondi del Next Generation EU in quanto sarebbero per buona parte “a prestito” e “da restituire entro il 2056”. Inoltre criticano l’imposizione delle “regole dell’austerità” da parte dell’UE e dichiarano che non voteranno a favore del regolamento per l’utilizzo dei fondi del Recovery Plan.

Gli eurodeputati leghisti contro i vincoli del fondo Ue – La Stampa – 11 Gen 2021 

Gli eurodeputati della Lega hanno comunicato che non voteranno a favore della “Recovery and resilience facility” poiché due terzi dei soldi sono prestiti e richiedono il rispetto delle regole dell’austerità. 

La spinta del Quirinale per chiudere subito sui fondi Ue – Corriere della Sera – 11 Gen 2021 

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sta spingendo sui leader della maggioranza affinché approvi il prima possibile il Recovery Plan, specialmente alla luce della crisi innescata da Matteo Renzi. 

Pisapia: un governo di scopo con un presidente diverso Così si può uscire dalla crisi – Corriere della Sera – 10 Gen 2021 –

Nell’intervista l’On. Giuliano Pisapia (S&D – Indipendente) è molto critico nei confronti del governo Conte e difende le richieste di Matteo Renzi e del suo partito, Italia Viva, che esigono una governance diversa dei fondi del Next Generation EU. Rifiuta la possibilità di elezioni anticipate e sostiene che la strada di un governo tecnico rimanga percorribile. 

È un Recovery beffa Meno soldi al Sud – Il Giornale – 9 Gen 2021 

L’On. Raffaele Fitto (ECR – Fratelli d’Italia) definisce “imbarazzante” la nuova bozza del piano di ripresa nazionale, specialmente per quanto riguarda le risorse destinate al Sud: “Le risorse aggiuntive che vengono annunciate non sono affatto aggiuntive e rischiano di essere l’ennesima beffa per il Mezzogiorno. La legge di Bilancio ha stanziato 50 miliardi di euro di Fondo Sviluppo e Coesione per il periodo 2021-2027 con un taglio di oltre 20 miliardi rispetto al precedente periodo.”

Von der Leyen: con l’Italia buoni progressi la situazione politica non influenza i lavori – La Stampa – 9 Gen 2021 

Si fanno progressi nel negoziato tra Commissione europea e governo italiano sul recovery plan nazionale – almeno secondo le parole della presidente von der Leyen, che ha chiarito nuovamente le condizioni di accesso alle risorse: “investimenti e riforme, green deal e transizione digitale”.